ASCOM VITTORIO VENETO
Immagine news Lotteria degli scontrini Avvio dal 1° gennaio 2021 Obbligo di Registratore Telematico
Lotteria degli scontrini Avvio dal 1° gennaio 2021 Obbligo di Registratore Telematico

OGGETTO: Lotteria degli scontrini Avvio dal 1° gennaio 2021 Obbligo di Registratore Telematico ed adeguamento tracciato

Dal 1° gennaio 2021 entrerà in vigore la cosiddetta “Lotteria degli scontrini”, già prevista dalla Legge finanziaria 2017 e più volte prorogata. La lotteria consiste in una vera e propria estrazione di biglietti virtuali, ognuno dei quali corrisponde ad 1,00 di spesa, con un massimo di 1.000 biglietti.

Potranno partecipare i contribuenti maggiorenni con domicilio fiscale in Italia, che abbiano richiesto il “Codice lotteria” mediante registrazione sul sito www.lotteriadegliscontrini.gov.it. Il contribuente potrà chiedere l’ abbinamento del codice allo scontrino, in modo da creare i biglietti virtuali corrispondenti.

L’esercente, nel momento in cui incassa il corrispettivo e rilascia l o scontrino (documento commerciale, non fiscale), ha l’obbligo di trasmettere i relativi dati (ai fini fiscali) all'Agenzia delle Entrate; gli stessi dati, se abbinati al “codice lotteria” dell’acquirente, consentiranno, automaticamente, la partecipazione alla lotteria. Sono previste estrazioni settimanali, mensili ed una annuale, con premi diversificati.

Il disegno di Legge di bilancio 2021, il cui iter parlamentare è in corso, prevede che i consumatori potranno partecipare alla “Lotteria degli scontrini” solo ed esclusivamente se effettuano gli acquisti con strumenti di pagamento elettronici (carte di credito, bancomat ecc.ecc.). Quindi, qualora come è probabile tale previsione venga con fermata, saranno esclusi dalla lotteria gli acquisti effettuati in con tanti . Le estrazioni “zero contanti” riservano premi sia all’acquirente e sia all’esercente.

Sono esclusi dalla “lotteria degli scontrini” e, quindi, non consentono di partecipare all’estrazione dei premi:

- gli acquisti di importo inferiore ad €1,00 ;
- gli acquisti effettuati on line ;
- gli acquisti destinati all’esercizio di attività di impresa, arte o professione;
- nella fase di avvio della lotteria , gli acquisti documentati mediante fatture elettroniche;
- sempre nella fase di avvio della lotteria, gli acquisti per i quali l’acquirente richieda all'esercente l’acquisizione del proprio codice fiscale a fini di detrazione o deduzione fiscale.

È opportuno precisare che la “lotteria degli scontrini” non consente il tracciamento degli acquisti effettuati. Al sistema lotteria dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli arrivano, infatti, solo i dati
riguardanti l’importo speso, la modalità di pagamento e il “codice lotteria”.
Questi dati vengono raccolti e conservati nella banca dati del sistema lotteria e possono essere utilizzati, esclusivamente, dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli nelle estrazioni e per risalire all’acquirente solo in caso di vincita (tramite l’abbinamento “codice lotteria” codice fiscale). Né l’esercente né altri soggetti potranno, invece, risalire all’acquirente per profilazioni o analisi delle abitudini di spesa.

Obbligo di Registratore Telematico ed adeguamento tracciato


Il 31 dicembre 2020, inoltre, termina il c osiddetto “periodo transitorio” concesso ai soggetti con volume d’affari 2018 inferiore ad € 400.000. Dal 1° gennaio 2021, pertanto, questi soggetti dovranno dotarsi obbligatoriamente di Registratore Telematico per la memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi. In alternativa sarà possibile utilizzare la procedura web “Documento commerciale online” presente nel portale Fatture e Corrispettivi del sito dell’Agenzia Entrate.
Altra importante novità riguarda il nuovo tracciato telematico dei dati che devono essere trasmessi (XML), come definito dagli appositi provvedim enti dell’Agenzia Entrate, con lo scopo di evidenziare
correttamente i dati utili per le “dichiarazioni precompilate”.
Dal 1 ° gennaio 2021 i corrispettivi giornalieri dovranno essere trasmessi all’Agenzia delle Entrate entro
dodici giorni dalla chiusura giornaliera.
La violazione per mancata memorizzazione dei dati e/o per omessa trasmissione dei dati comporta una sanzione pari al 100% dell’imposta dovuta sui corrispettivi della giornata, con un minimo di € 500, oltre all’eventuale sanzione accessoria in caso di quattro contestazioni in un quinquennio, che può comportare la sospensione dell’attività da tre giorni ad un
mese.
Anche in tema di sanzioni, il disegno di Legge finanziaria 2021 prevede alcune modifiche, tra le quali
l’introduzione di sanzioni per l ’omessa installazione, manutenzione o manomissione/alterazione del RT.
Entrambe le novità comportano un tempestivo adeguamento, entro il 31 dicembre 2020, da parte
dell’esercente:
- la dotazione di un pratico lettore di codice a barre per l’inserimento del codice lotteria, qualora
richiesto dal Cliente consumatore;

- l’aggiornamento informatico del RT (se già in uso) per l’adeguamento del tracciato.

Confcommercio si è attivata da tempo per chiedere un ulteriore proroga di queste disposizioni,
considerati i l numero dei dispositivi ancora che risultano da adeguare ed i costi da sostenere per l’ operazione.

Trattandosi di adempimenti di tipo “fiscale”, gli interessati potranno chiedere informazioni o  approfondimenti alla propria Ascom di riferimento - Settore Fiscale o al proprio consulente fiscale.


Con i più cordiali saluti.

Vai a Ascom Formazione